E   [93 termini]
Indice

E1: Tipologia di linea trasmissiva nel sistema europeo che permette un traffico fino a 2.048 Mbps.

E3: Tipologia di linea trasmissiva nel sistema europeo che permette un traffico fino a 34 Mbps.

E-BOMB: Dispositivo a tecnologia mista elettronica/esplosiva capace di emettere per un tempo brevissimo (dell'ordine di 500 picosecondi) un IMPULSO elettromagnetico dell'ordine dei megaampere. Sfrutta una esasperata riduzione della durata del tempo, ottenuta tramite esplosione, nella legge di Faraday-Newman-Lentz.

E-BUSINESS: Espressione che identifica le modalità digitali con le quali vengono svolte attività economiche.

E-COMMERCE: Commercio elettronico, vendita e acquisto di beni tramite la rete INTERNET.

E-MAIL: Contrazione di "Electronic-MAIL", ovvero posta elettronica. Sistema per lo scambio di messaggi o documenti, normalmente di testo, tra utenti di computer collegati in rete. Quando si stipula un contratto di abbonamento con un ISP, viene assegnato un INDIRIZZO e-mail. Normalmente è possibile incorporare il proprio nome, o parte di esso, all'interno dell'indirizzo e-mail per renderlo più semplice da ricordare. L'indirizzo di posta elettronica è composto dall'identificativo dell'utente più il DN del sistema, separati dal carattere @ (chiocciola). Per esempio: mionome@provider.it.

E-MOD: Contrazione di "Elettronic Music On line Delivery". FILE audio compresso utilizzato in Rete.

E-MONEY: E' la moneta virtuale, in futuro ormai prossimo, che diverrà mezzo di pagamento su INTERNET.

E-TRADING: Electronic trading. Attività borsistica svolta tramite i canali INTERNET.

E-ZINE: Electronic magazine, (rivista elettronica). Anche Ezine.

EBCDIC: Acronimo di "Extended BINARY CODED DECIMAL International (o Interchange) Code". Individua un codice di 256 caratteri di otto BIT usato nella trasmissione binaria dei dati (lettere e numeri) usato da IBM.

EBU: Acronimo di "European Broadcasting Union".

ECHO: Effetto consistente nel rinvio di un carattere appena ricevuto (dalla tastiera) al TERMINALE video.

  • Quando un MODEM riporta al terminale tutti i caratteri ricevuti in modo da poter essere visibili sullo schermo.

    ECHOMAIL: Sistema di conferenze in rete in cui ogni messaggio scritto viene letto da tutti i partecipanti (echo). Nei sistemi come Fidonet, la posta echomail e' intesa in forma di scambio tra tutti i sistemi allacciati alla rete di tutti i messaggi che vengono inviati dai singoli utenti. Il singolo nodo della rete decide quali conferenze (aree messaggi) agganciare e quindi scambiare, e l'utente finale decide quali conferenze agganciare tra quelle messe a disposizione dalla BBS cui fa riferimento.

    ECMA: Acronimo di "European Computer Manufacturer’s Association". Associazione europea delle aziende produttrici di computer, fondata nel 1961, dedicata alla standardizzazione dei sistemi di comunicazione e di informazione. Coordina gli interventi dell'industria informatica europea. Ha svolto un notevole lavoro di prestandardizzazione per l'ISO. Per maggiori informazioni collegarsi al sito: http://www.ecma.ch

    ECO: Fenomeno acustico naturale determinato dalla riflessione del suono su ostacoli distanti almeno 17 metri.

  • Fenomeno acustico caratterizzato da almeno una ripetizione distinta del suono, qualunque sia la sua origine.
  • Sistema capace di generare un effetto di ripetizione.
  • Funzionalità dei terminali a TASTIERA che consiste nel ripetere, sullo schermo o su una linea di stampa, ogni carattere digitato.

    EDGE: Technologia che rende GSM e TDMA in grado di gestire servizi di telefonia mobile di terza generazione. Sviluppata per trattare grandi quantità di dati ad alta velocità, tipicamente 384 kbit/sec in applicazioni mobili.

    EDGE TRIGGERING: Attivazione di un circuito all'arrivo del fronte di salita o di discesa di un IMPULSO. Attivazione sul Fronte.

    EDI: Acronimo di "Electronic Data Interchange". Scambio dati elettronici, da computer a computer di dati relativi a transazioni commerciali che utilizzano formati concordati e reti.

    EDI NAME: Una sequenza alfanumerica che identifica una particolare applicazione EDI.

    EDIFACT: Acronimo di "Electronic Data Interchange for Administration, Commerce and Transport". Scambio dati elettronici per amministrazione, commercio e trasporti. Standard internazionale per la struttura dei dati EDI (ISO 9735).

    EDIMS: Contrazione di "EDI Messaging System". Stessa definizione di PEDI.

    EDIN: Sorta di messaggio di HANDSHAKE per X.400 inviato all'originatore per informarlo dell'utilizzo del suo EDIM (inviato, responsabilità accettata oppure responsabilità rifiutata).

    EDIT: Modifica della forma o del formato dei dati su un computer mediante un apposito programma.

    EDITING: Operazione finalizzata alle redazione ed all’ordinamento di testo, immagini, suoni, etc.

    EDITOR: Programma utilizzato per la redazione di testi (creazione, modifica). Esistono diverse tipologie di editor, alcuni orientati a lavori specifici, per HTML, per linguaggi di programmazione o per semplici testi e quant'altro abbia bisogno dell'opera manuale degli autori.

    EDO RAM: Acronimo di "Extended Data Out RANDOM Access Memory". Tipo di MEMORIA dinamica che mantiene i dati disponibili per la CPU mentre il successivo accesso alla memoria è in fase di inizializzazione, ottenendo così una maggiore velocità.

    EDP: Acronimo di "Electronic Data Processing". Elaborazione elettronica dati.

    EFF: Acronimo dell'organizzazione statunitense Electronic Frontier Foundation, il cui scopo è quello di difendere la privacy, la libertà di accesso e le libertà civili in INTERNET. Tra le pubblicazioni ricordiamo la guida sulla grande rete scaricabile dal suo sito all'indirizzo http://www.eff.org.

    EGA: "Enhanced Graphics Adapter" scheda video standard con RISOLUZIONE massima 640x350 e 16 colori; fu sviluppata da IBM nel 1984 e si tratta di un'evoluzione della CGA.

    EHF: Acronimo di "Extremely HIGH Frequency".

    EIA: Acronimo di "Electronic Industries Association". L'organizzazione dei costruttori di elettronica e informatica americani, raccomanda procedure e interfacce per l'interconnessione di apparati di fornitori diversi. Una norma EIA universalmente nota e' la RS-232.

    EIA RS232 INTERFACE: Interfaccia utilizzata per collegare terminali e computer. Essa è di solito usata per collegamenti piuttosto corti.

    EIDOMATICA: Informatica applicata alla produzione/trattamento di immagini. Dal greco eidos (immagine).

    EIRP: Acronimo di "Effective Isotropic Radiated Power".

    EISA: "Enhanced Industry Standard Architecture". E' una evoluzione a 32 BIT del BUS SLOT ISA, sviluppato nel 1988 da 61 compagnie (Compaq, AST, Epson, Hewlett-Packard, NEC, Olivetti, Tandy, Wyse, Zenith, Microsoft, etc.). Ha una migliore gestione dell'arbitraggio e degli INTERRUPT, un DMA migliorato e altre caratteristiche che lo rendono notevolmente superiore rispetto al predecessore. Anche se oggi sembra ormai in disuso (superato dal PCI), per motivi di mercato é ancora presente.

    ELABORATORE ELETTRONICO: Vedi computer (termine che indica la stessa cosa, ma utilizza meno della meta' delle sillabe).

    ELECTRONIC MAIL: Vedi EMAIL.

    ELECTROSTATIC STORAGE ELEMENT: Elemento di memorizzazione statica che non ha bisogno di rinfresco per conservare i dati.

    ELEMENTO: Componente di una struttura.

  • In HTML sono elementi i TAG, gli attributi, i blocchi, le aree, etc.

    ELETTROACUSTICA: Tecnica per produrre suoni partendo da segnali elettrici. Risale a cinquanta anni fa l’uso di macchine elettroniche e del computer nelle applicazioni musicali.

    EMAIL: Vedi E-MAIL.

    EMETTITORE: L'elemento di un TRANSISTOR attraverso il quale entra la corrente.

    EMETTITORE COMUNE: Tipica configurazione d'uso di un TRANSISTOR BJT.

    EMOTICONS: Serie di simboli, di facile combinazione, da inserire solitamente nel testo di una E-MAIL, per sottolineare umori, emozioni e toni di voce. Esistono due tipi di emoticon: a visione frontale e a visione traslata di 90°.

    EMS: Acronimo di "Expanded Memory Specification". Una serie di specifiche adottate da Lotus, Intel, e Microsoft per accedere alla MEMORIA oltre il primo MEGABYTE commutando un banco all'interno dello spazio di indirizzamento reale.

    EMULATE: Emulare un sistema con un altro così che il sistema emulante accetta gli stessi dati, esegue gli stessi programmi, e perviene agli stessi risultati del sistema emulato.

    EMULATOR: Dispositivo che effettua l'emulazione. Sistema software o hardware che simula completamente il funzionamento di un altro sistema. L'espressione emulatore di TERMINALE sottintende un PC collegato alla rete o a un elaboratore centrale, con le stesse funzioni di un terminale.

    EMULATORE DI TERMINALE: Terminal emulator. Programma che permette ad un computer di simulare un TERMINALE. La WORKSTATION appare cosi' un vero e proprio terminale all'host remoto.

    EMULAZIONE: Modo in cui il nostro PC interagisce con il sistema operativo del sito con cui siamo collegati. Vi sono molti programmi di comunicazione che permettono di scegliere il tipo di "emulazione" (Vedi ad es. VT100).

    ENABLE: Segnale di abilitazione, contrapposto a DISABLE.

    ENCAPSULATION: Incapsulazione è il processo di riunire in un unico PACCHETTO i dati di un OGGETTO assieme ai suoi metodi, con il vantaggio di nascondere i dettagli dell'implementazione agli altri oggetti.

  • Un meccanismo all'interno di un GATEWAY che supporta l'utilizzo di sistemi di E-MAIL estranei come ad esempio un bridge tra LAN di Microsoft Mail per reti di PC. Si può anche immaginare come una doppia busta.

    ENCODER: Codificatore. Nel senso più ampio del termine. Usato in elettronica ed in informatica in vari contesti.

  • Usato anche in senso traslato, ad es.: programma che trasforma un FILE .WAV in formato .MP3 con relativa compressione.

    END AROUND CARRY: Riporto generato nel posto del DIGIT più significativo e mandato direttamente nel posto del BIT meno significativo.

    ENTITA': In SGML si tratta delle variabili, delle costanti e delle definizioni di caratteri e formati. In HTML sono entità i tipi di dati per caratteri o numeri.

    ENTRY POINT: Punto di ingresso di una routine o di un programma a cui può essere passato il controllo.

    ENVELOPE: Indica la destinazione di un messaggio di posta elettronica ovvero l'indirizzo del destinatario del messaggio.

    EOF: Acronimo di "End Of File". Indica la fine del file sia come carattere di controllo sia come procedura di trasferimento.

    EOI: Acronimo di "End of Interrupt". Un COMANDO particolare inviato al controllore di interruzioni per indicare che l'interruzione è stata gestita dal software. Possono quindi essere ricevute nuove interruzioni con la stessa priorità o più bassa.

    EPG: Acronimo di "Electronic Program Guide".

    EPOC: Un sistema operativo per terminali mobili, sviluppato da Symbian (Ericsson insieme a Matsushita, Motorola, Nokia and Psion).

    EPROM: Acronimo di Erasable Programmable Read Only Memory. Dispositivo di MEMORIA DIGITALE a sola lettura ripetutamente cancellabile mediante l'esposizione ai raggi ultravioletti. La sua programmazione avviene mediante un apposito apparecchio denominato appunto programmatore di eprom.

    EPS: Acronimo di "Encapsulated PostScript". File grafico vettoriale compresso codificato in linguaggio Postscriptin un formato speciale. Puo' contenere immagini in BITMAP per compatibilita', ma i migliori risultati si ottengono con output su dispositivi POSTSCRIPT.

    ERASE: Cancellare l'informazione da un mezzo di informazione.

    ERASABLE PROGRAMMABLE READ ONLY MEMORY: Vedi EPROM.

    ESADECIMALE: Sistema di numerazione a base 16, usato generalmente come rappresentazione più comoda di codici e dati binari. Utilizza 16 simboli (0,1,2,3,4,5,6,7,8,9,A,B,C,D,E,F) per rappresentare i valori base da 0 a 15.

    ESC: Carattere ASCII (codice 27 o 1Bh). Viene anche usato con la FUNZIONE di dare inizio ad una breve sequenza costituente un COMANDO.

    ESCAPE: Vedi ESC.

    ESDI: Acronimo di "Enhanced Small Device Interface". Un INTERFACCIA per dischi che può trasferire dati a 10, 15, o 20 MEGABIT per secondo. E' più veloce di una MFM o di una RLL, ma più lenta di una IDE o di una SCSI.

    ESTENSIONE: Dicesi delle tre o più lettere che compaiono dopo il punto nel nome di un FILE. E' un'indicazione utile riguardo al formato ed alla tipologia del file. Alcune estensioni più frequenti sono ".doc" per i documenti, ".jpg", ".gif" per le immagini, ".mp3" per i suoni, ".html", ".htm" per i file di ipertesto.

    ETACS: Acronimo di "Extended Total Access Communication System".

    ETHERNET: Sistema particolarmente comune per la connessione di computers all'interno di una LAN. Standard di fatto per LAN, sviluppato inizialmente da Xerox, seguita poi da Intel e DEC, ora confluito nello standard IEEE 802.3. E' in grado di gestire circa 10Mbit per secondo e può essere utilizzata praticamente da qualsiasi genere di computer.

  • Cavo che collega gli elementi di una rete locale con lo specifico schema.

    ETICHETTA: Nome simbolico utilizzato in un programma per contrassegnare un'istruzione, oppure per indicare un’unità periferica.

    ETSI: Acronimo di "European Telecommunications Standards Institute".

    EUDORA: Uno dei programmi per la gestione della posta elettronica più diffusi tra gli utenti di INTERNET. E' disponibile per diverse piattaforme (Windows, UNIX , Macintosh, etc.) e consente la spedizione e la ricezione di messaggi con allegati FILE multimediali, sia in chiaro sia in cifrato.

    EURISTICO: Attributo di procedimenti ed algoritmi che affrontano problemi che è impossibile, o eccessivamente oneroso, risolvere con procedimenti esatti e deterministici.

    EURONET: Rete europea a COMMUTAZIONE DI PACCHETTO con servizio connection-oriented basata su X.25. Interconnette le varie reti pubbliche nazionali di comunicazione: Itapac (I), Transpac (FR), Finnpac (F), PSS (UK), ecc.

    EVENT HANDLER: Uno speciale attributo di un OGGETTO nel modello dinamico dell'HTML che associa l'oggetto con un EVENTO. Ad esempio "onmouseover=" puo' associare a un'immagine l'evento di passare il mouse sopra l'immagine.

    EVENTO: Qualcosa che accade durante l'esecuzione di un programma. Può essere attivato dal sistema (messaggi, segnali timer) o dall'utente (digitazione TASTIERA, azionamento del mouse).

    EVM: Acronimo di "Error Vector Magnitude".

    EXCEPTION: Un SEGNALE della CPU che indica una avvenuta condizione di errore che non può essere gestita senza l'intervento del programma. Le più comuni eccezioni attivate dai processori Intel sono la 12 e la 13 (in decimale come d'uso specificarle) che sono rispettivamente legate allo STACK ed a problemi generali. L'eccezione 13 è tipicamente causata da un tentativo di superare la fine di un segmento col rientro all'inizio dello stesso.

    EXECUTE: Fase di un CICLO di calcolo (seguente quello di fetch) durante la quale viene selezionata una PAROLA di controllo o eseguita una ISTRUZIONE.

    EXECUTIVE: Il programma di un calcolatore che, sensibile agli impulsi di INTERRUPT, seleziona una apposita routine di servizio tra quelle disponibili.

    EXPANSION PORT: Porta di espansione. E' un posto del calcolatore dove è possibile collegare periferiche addizionali.

    EXTENDED BIOS DATA AREA: Blocco di MEMORIA, tipicamente di 1 Kbyte, posto alla fine della MEMORIA CONVENZIONALE (primo MegaByte) usato per depositare dati addizionali usati da BIOS e che non è possibile inserire nell'area di 256 BYTE posta a 0040h:0000h.

    EXTENDED FILE CONTROL BLOCK: Una struttura DOS di tipo FILE CONTROL BLOCK con aggiunti altri sette BYTE per consentire il controllo degli attributi dei file. Vedi anche FCB.

    EXTENDED MEMORY: Memoria posta oltre il primo MEGABYTE disponibile soltanto con le CPU 80286 o superiori. Tranne che per una piccola parte, detta HIGH MEMORY AREA (di circa 64 Kb), la MEMORIA ESTESA è accessibile soltanto in modalità protetta.

    EXTENDED MEMORY SPECIFICATION: Specifiche proposte da Microsoft per consentire a diversi programmi di condividere ed usare blocchi di MEMORIA, anche non contigui, oltre il primo MEGABYTE. Vedi anche UPPER MEMORY BLOCK.

    EXTERNAL DEVICE INTERFACE: Una serie di chiamate fatte dal multitasker DESQview in seguito ad eventi particolari, che possono essere intercettate da programmi che testano lo stato del sistema corrente. Vedi anche Callout.

    EXTERNAL VIEWER: Programma software utilizzato dai BROWSER (come Mosaic, Netscape, etc.) per utilizzare formati di FILE non supportati direttamente.

    EXTRANET: Sono delle reti con tecnologia TCP/IP che connettono tra loro le reti locali aziendali, limitandone l'accesso ai soli utenti autorizzati. Vedi anche VPN.

    EYEBALLS: Termine per indicare il numero di utenti che concentrano la propria attenzione su di un singolo dato.

    EYEDROPPER: Contagocce, strumento che permette di prelevare il colore da un punto o da un'area di un'immagine per poterlo utilizzare altrove, o semplicemente con funzioni di controllo. Solitamente è possibile rendere il colore selezionato attivo come colore utilizzato da altri strumenti, come i pennelli o gli strumenti di riempimento.


    Indice


    © Glossario Edizioni ByteMan Copyright 1993..2002 Riservati tutti i diritti
    Redazione continua, aggiornato 28.set.2002 - Graditi commenti, suggerimenti e critiche e-mail.