8   [17 termini]
Indice

8.3: Abbreviazione per indicare la sintassi per i nomi dei FILE nel S.O. DOS: otto caratteri per il nome e tre per il suffisso.

8 BIT: Architettura di un computer la cui CPU elabora blocchi di 8 BIT parallelamente. Le istruzioni vengono codificate, preferibilmente, con multipli di 8 bit (es.: i computer costruiti con Intel 8080 o con Zilog Z80).

  • Dicesi di applicazione software che può funzionare su computer con tale architettura.

    810: Chipset Intel per scheda madre, con BUS a 100 Mhz, adatta ai processori Intel Pentium II Celeron e Pentium III. Include un acceleratore grafico per 2D e 3D e supporta la riproduzione MPEG-2. Integra un RAMDAC da 230 MHz che permette risoluzioni fino a 1600x1200 PIXEL a 85 MHz e può essere dotato (versione DC-100) di una MEMORIA cache supplementare da 4 Mb di tipo SDRAM a 100 MHz. Utilizza il set di comandi grafici ISGA e la tecnologia DVMT.

    80686: Nome generico che individua le famiglie di CPU meglio note con i nomi di Pentium Pro e Pentium II. Ha costituito una sorta di filo logico con i precedenti processori Intel. Usato soprattutto da ditte produttrici di microprocessori compatibili Intel.

    80586: Nome generico che individua la famiglia di CPU meglio nota col nome di Pentium.

    80486: Processore Intel introdotto nel 1989, con BUS dati a 32 BIT e bus indirizzi a 32 bit, è stato utilizzato sui PERSONAL COMPUTER fino al 1996. Ha una CACHE di primo LIVELLO di 8 Kb, una FPU integrata, 4 BUFFER in scrittura. Costruito progressivamente con diverse velocità di CLOCK, da 33 MHz a 100 MHz, con tecnologia CMOS e 1.185.000 TRANSISTOR. Esistono versioni alimentate a 3.3 e a 5 V, e con clock pari al clock esterno o moltiplicato (x2,x3). E' stato prodotto con diverse varianti.

  • 80486DX: Realizzato nel 1989 con velocità da 20 MHz a 50 MHz. Nel 1993 ne è stata derivata una versione SL a basso consumo di energia.
  • 80486DX2: Modello DX con clock a velocità duplicata. Raggiungeva i 66 MHz. Nel 1993 ne è stata derivata una versione SL con consumo ridotto di energia.
  • 80486DX4: Modello DX con clock a velocità triplicata e cache di 16 Kb. Raggiungeva i mitici 100 MHz. Ne è stata derivata una versione a consumo ridotto per i computer portatili.
  • 80486DXL: Modello con SMM e controllo del consumo di energia.
  • 80486SL: Modello con controller ISA e DRAM, con SMM, e velocità da 25 MHz a 33 MHz.
  • 80486SL: Modello più economico ed a basso consumo, impiegato nei computer portatili. Permetteva lo stato di stand-by.
  • 80486SLV: Modello progettato da IBM e Cyrix come alternativa all'80486SL, di cui era ancora più economico. Poteva essere montato sulle stesse schede del 386SX.
  • 80486SX: Modello del 1991, più economico e molto utilizzato. Non aveva la FPU e funzionava con velocità da 16 MHz a 33 MHz. Nel 1993 ne è stata derivata una versione 80486SL a basso consumo da 25 MHz e 33 MHz.
  • 80486SX2: Modello SX con clock a velocità duplicata. Raggiungeva i 66 MHz.
  • 80486SXL: Modello SX con SMM.

    80387: Coprocessore matematico Intel, installato come opzione sulle schede madri con processore 80386, eseguiva in hardware calcoli in virgola mobile per applicazioni matematiche e scientifiche. In mancanza del coprocessore i calcoli dovevano essere eseguiti da un software emulatore, con evidente maggiore lentezza.

    80386: Processore Intel introdotto nel 1985, il primo con BUS dati a 32 BIT e bus indirizzi a 32 bit, con pieno supporto MULTITASKING e supporto per MEMORIA virtuale paginata e segmentata. E' stato utilizzato sui PERSONAL COMPUTER fino al 1991. Costruito progressivamente con diverse velocità di CLOCK, da 12 MHz a 33 MHz, con tecnologia CMOS da 0,8 micron e 275.000 TRANSISTOR. La concorrente AMD ne ha realizzato una versione a 40 MHz. E' stato prodotto con diverse varianti.

  • 80386DX E' la versione con bus esterno a 32 bit: Double-word eXternal.
  • 80386SL Versione a basso consumo prodotta nel 1990: Single-word external Low consumption. Costruito con velocità da 16 MHz a 33 MHz ha alcuni pin dedicati al controllo del consumo di energia per permettere lo stato di stand-by. Versione economica è stata impiegata nei computer portatili, ma ebbe vita molto breve perché richiedeva una scheda madre particolare.
  • 80386SX E' la versione con bus esterno a 16 bit: Single-word eXternal.

    80287: Coprocessore matematico Intel, installato come opzione sulle schede madri con processore 80286, eseguiva in hardware calcoli in virgola mobile per applicazioni matematiche e scientifiche. In mancanza del coprocessore i calcoli dovevano essere eseguiti da un software emulatore, con evidente maggiore lentezza.

    80286: Processore Intel introdotto nel 1982, installato sui PERSONAL COMPUTER IBM modello AT, con BUS dati a 16 BIT e bus indirizzi a 24 bit. Può utilizzare fino a 16 Mb di MEMORIA e un nuovo modo di esecuzione chiamato MODO PROTETTO. Offre un limitato supporto MULTITASKING, e memoria virtuale segmentata. Costruito progressivamente con diverse velocità di CLOCK, da 6 MHz a 20 MHz, con tecnologia HMOS e 134.000 TRANSISTOR.

    80186: Versione modificata e migliorata dell'8086. Ha integrato alcune funzioni periferiche, prima residenti sulla scheda madre. Sono state aggiunte alcune istruzioni in più, tra cui lo shift multiplo. Non e' stata impiegata su PC commerciali.

    8088: Versione dell'8086 con BUS dati ridotto ad 8 BIT, usata nei PERSONAL COMPUTER IBM di tipo PC, XT e compatibili con CLOCK di 4.77 MHz. Consentiva l'utilizzo di economiche periferiche ad 8 bit.

    8087: Coprocessore matematico Intel, installato come opzione sulle schede madri con processore 8086 o 8088, eseguiva in hardware calcoli in virgola mobile per applicazioni matematiche e scientifiche. In mancanza del coprocessore i calcoli dovevano essere eseguiti da un software emulatore, con evidente maggiore lentezza.

    8086: Prima generazione delle CPU Intel x86, introdotto nel 1978, è stato il primo processore a 16 BIT di largo successo commerciale. Utilizzato nei PERSONAL COMPUTER DOS di tipo PC e XT, ha un BUS dati a 16 bit e un bus indirizzi a 20 bit. Può indirizzare fino a 1 Mb di MEMORIA. Funziona con CLOCK da 4 MHz a 12 MHz, alimentato a 5 Volt, contiene 29.000 TRANSISTOR.

    820: Chipset Intel per scheda madre, con BUS a 133 Mhz, adatta ai processori Intel Pentium III, Coppermine e Katmai su SLOT 1, Slot 2 (versione multiprocessore) e SOCKET 370. FSB a 100/133 MHz, supporta memorie RDRAM e SDRAM, AGP 4x, Ultra-DMA/66, ECC, LCP ACPI, APM, SMB. Velocità di 1.3 Gb al secondo.

    840: Chipset Intel per scheda madre multiprocessore, con BUS a 133 Mhz, per Pentium III. Supporta, come il 820, memorie RDRAM e SDRAM, AGP 4x, Ultra-DMA/66, ECC, LCP ACPI, APM, SMB.

    8514: Vedi XVGA.


    Indice


    © Glossario Edizioni ByteMan Copyright 1993..2002 Riservati tutti i diritti
    Redazione continua, aggiornato 24.set.2002 - Graditi commenti, suggerimenti e critiche e-mail.